Pensieri sparsi e confusi

Ultimamente non lavorando mi capita di avere dei momenti di calma in cui fermarmi a riflettere. E le ultime riflessioni non sono granché positive. Ho visto coppie scoppiare senza neanche accorgermene ed a quanto ho capito è stata cosa comune con parecchi amici. Ho dovuto salutate troppo presto persone che hanno contato nella mia vita e questo ha fatto riaffiorare ricordi mai sopiti ma in parte metabolizzati. Le riflessioni poi coinvolgono il modo di essere, il carattere, le attitudini i desideri e le emozioni. E all’improvviso mi dico quello che già sotto sotto so…non mi sto prendendo cura di me. Non lo sto facendo come voglio e questo va a discapito mio ma anche di tutta la mia routine, perché mi porta ad essere insoddisfatta, poco paziente, poco attenta, superficiale. Mi fa fare le cose meccanicamente, mi stanca ed innervosisce. Che per carità periodi cosi capitano a tanti, e ci sta pure ma accorgersene e porre rimedio è ben altra cosa. Ma lo devo a me, a me donna mamma moglie figlia amica. Perché quando sono carente con me stessa lo sono con tutti. Questo mese di agosto sarà dedicato a ricaricare le batterie perché da settembre si ritorna a pieno ritmo. E come si fa? Beh io butto li qualche idea che mi è venuta anche leggendo altre blogger:
1) capiamo come vogliamo che si svolga la nostra giornata, organizziamola senza però esserne schiave
2) accettiamo i cambi di programma improvvisi
3) stabiliamo quali atteggiamenti non ci piacciono e lavoriamici su un po alla volta senza preoccuparci se qualche volta cadiamo
4) scarichiamo un po di tensione facendo sport o una passeggiata o prendendoci una pausa caffè con un’amica
5) a fine giornata ricordiamoci sempre di trovare qualcosa per cui possiamo dirci brava!
E soprattutto godiamoci i sorrisi che ci regalano e ricordiamoci che i problemi veri nella vita sono pochi…

Scritto con WordPress per Android

Annunci

8 thoughts on “Pensieri sparsi e confusi

  1. Questo esercizio lo sto facendo da un po’ e devo dire che sta dando i suoi frutti. Chi prima, chi dopo, arriva a un certo punto della vita e capisce che si deve fermare, che la direzione deve essere rincanalata meglio. Già avere il tempo per riflettere è cosa preziosa. E capire che è il momento di farlo non è da tutti. Vedrai che saranno delle belle vacanze. Goditi te stessa. 🙂

    Liked by 2 people

  2. Dunque l’ozio è il padre dei vizi – leggi riflessioni. Se lavori non pensi. Se non lavori, pensi.
    Credo che il punto da seguire sia quello nel quale al termine della giornata ti dici ‘brava’.
    E’ un pensiero positivo, e questi sono il pane che lievita soffice.
    Se uno pensa a quello che avremo voluto fare e non ci siamo riusciti, alla fine siamo solo insoddisfatti.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...